Rimusicazioni – Amaury Cambuzat (Ulan Bator) Vs Tabù

Tabù – Un film di Robert J. Flaherty, Friedrich Wilhelm Murnau. Con Matahi, Hitu, Jean Titolo originale Tabu. Drammatico, b/n durata 80 min. – USA 1931.

Mercoledi 3 aprile con inizio alle ore 21 si terrà il secondo appuntamento dell’anno con Rimusicazioni al ost west club est ovest. Il film è diviso in due parti: la prima si intitola „Das Paradies“ (Il paradiso), la seconda „Das verlorene Paradies“ (Il paradiso perduto).

La sequenza iniziale ha già tutto il carattere di uno sguardo segnato da un estetismo omoerotico: vediamo infatti un giovane uomo dalla corporatura statuaria, in piedi sopra ad uno scoglio, impegnato nell’attività della pesca con una lancia: ogni lancio è un successo, il ragazzo recupera molti pesci. Altri ragazzi, giovani fisicamente prestanti, corrono in acqua per poi mostrare i „trofei“ del loro compagno. Il pescatore è chiaramente l’eroe del film e si chiama Matahi. Nel frattempo un gruppo di ragazze fa corone di fiori e gioca sotto una cascata. L’aitante Matahi e la bella Reri sono innamorati l’uno dell’altra e sembra che nulla possa disturbare il loro idillio. Improvvisamente appare all’orizzonte una nave, gli abitanti dell’isola corrono alla spiaggia pieni di gioia e curiosità e remano con le loro canoe verso i nuovi arrivati, ma con la nave giunge anche il dramma, rappresentato dal personaggio di Hitu, un vecchio sacerdote proveniente da un’isola vicina. Egli infatti annuncia che la più bella ragazza dell’isola, Reri, è stata scelta quale vergine sacra e che quindi da quel momento deve essere considerata tabù: nessun uomo la potrà mai toccare.

Matahi e Reri sono disperati. Durante la festa d’addio la bellissima fanciulla è costretta a danzare, Matahi la osserva e comincia a ballare con lei. Insieme si muovono in una danza selvaggia e passionale. Ognuno comprende che si stanno amando, anche Hitu. Durante la notte Matahi nuota sino alla nave dove Reri è stata condotta; la rapisce e i due fuggono insieme. Nella seconda parte del film ritroviamo i due innamorati rifugiatisi su un’altra isola dove vivono commercianti europei e cinesi, cioè su un’isola „civilizzata“. I nuovi abitanti hanno portato soprattutto due cose: soldi e alcool. Matahi lavora come pescatore di perle ed è il migliore nel suo campo. La felicità della giovane coppia è offuscata solo da Hitu, il quale, durante l’assenza di Matahi, trova Reri e la riporta sulla sua imbarcazione. Non appena Matahi se ne accorge, corre alla spiaggia e raggiunge a nuoto Hitu e Reri. Cerca di salire sulla barca tenendosi ad una fune, che viene però tagliata dal malvagio sacerdote; riprova, ma le sue forze lo abbandonano ed affoga nelle profondità marine

Amaury Cambuzat, eclettico musicista ed artista visionario, nonché nome storico del panorama rock europeo in qualità di ideatore e fondatore degli Ulan Bator e di collaboratore assiduo dei Faust da dieci anni a questa parte interpreta il controverso capolavoro della filmografia muta “Tabù, A story of the South Seas” del regista Friedrich Wilhelm Murnau del 1931( noto ai più per aver firmato il capolavoro Nosferatu il vampiro). Una dimensione inedita, colonna sonora in cui Cambuzat sicuro dei dogmi profetizzati in questi anni si lancia in un nuovo viaggio fascinoso ed esotico.

more infos:

www.rimusicazioni.org

http://www.ulanbator.biz/